27 Mar 2018 / 19:03

Acquasanta, torna la tradizionale processione del Cristo Morto in vista della Pasqua. La rievocazione si svolge ogni tre anni

Si svolgerà venerdì sera alle 20.30, nella frazione acquasantana di Paggese, la tradizionale processione del Cristo Morto.

Acquasanta, torna la tradizionale processione del Cristo Morto in vista della Pasqua. La rievocazione si svolge ogni tre anni

La storica rievocazione viene organizzata ogni tre anni ed è la prima volta che va in scena dopo il terremoto del 2016. Partendo dalla piazza del borgo medievale, la processione passerà per le vie del paese toccando la località della Madonnella e la frazione di Santa Maria, per poi tornare a Paggese. Dalla monumentale chiesa di San Lorenzo alle 20.30 uscirà la storica bara, costruita da don Pietro Bruni, falegname per diletto, nel lontano 1912, portata a spalla nonostante l’enorme peso dai confratelli della compagnia dell’Orazione e Morte, seguita dalla Madonna Addolorata, rappresentata con un pugnale che le trafigge il cuore, che invece viene condotta dai confratelli della Madonna del Rosario. Sull’artistica bara viene posta la lignea statua del Cristo che fu trovata in sagrestia custodita entro la barella che un tempo veniva usata per trasportare i morti, quindi molto più antica della prima rappresentazione. La barella di legno veniva usata, un tempo, dalla Confraternita della Buona Morte per trasportare i defunti e seppellirli in una delle ancora esistenti 44 tombe ricavate nel sottosuolo della chiesa parrocchiale. A partecipare, poi, saranno anche le confraternite ospiti provenienti dai paesi vicini e poi le catechiste con i fanciulli, che recano i 15 simboli della Passione di Cristo tra i quali i chiodi, il martello, la corona di spine, la tenaglia e la tunica. Le bambine, invece, porteranno delle bandierine nere su cui spiccano, in argento, le sette parole pronunciate da Gesù sulla croce. Tutto il percorso sarà illuminato dalle fiaccole, dalle candele dei fedeli e da centinaia di lumini e candele romane: coloro che non potranno, per motivi di salute, partecipare fisicamente alla processione potranno farlo vedendola con un bel colpo d’occhio dall’alto del colle di Paggese e pregare con devozione pensando alla Risurrezione, ascoltando i canti tradizionali e la musica adatta eseguita dalla banda di Acquasanta diretta dal maestro Mauro Sabatini.

Precedente
Successivo

Partecipa alla discussione

Copyright 2016
Jant.it
P.Iva IT02206910446
All Rights Reserved