10 Ott 2017 / 19:10

Ascoli, capitan Mengoni è pronto a tornare in campo. Intanto,è tornato a parlare dopo i problemi al cuore

Il difensore dell’Ascoli Andrea Mengoni, nella settimana del match interno col Venezia, ha parlato a 360 gradi della sua condizione fisica, della voglia di tornare in campo e del momento della squadra, della fascia di capitano e del rendimento dei compagni: “Sto bene, il periodo buio è passato, non ho problemi di peso, mi mancano i 90', ma quelli li avrò giocando, quando avrò la mia occasione la sfrutterò cercando di fare il bene dell'Ascoli; qui non si parla di Mengoni, Gigliotti, Padella o De Santis, ma solo del bene dell'Ascoli, spero di farmi trovare pronto, ho solo da riprendermi la mia squadra.

Ascoli, capitan Mengoni è pronto a tornare in campo. Intanto,è tornato a parlare dopo i problemi al cuore

Approfitto per ringraziare la Dottoressa Mara Trobbiani del Centro di Medicina dello Sport di Ascoli e il Dott. Zeppilli del Gemelli di Roma. Per Salerno non sono stato convocato per scelta tecnica, quindi l'accetto, ma posso non condividerla; detto questo sono contento che la squadra abbia fatto una grande partita, è mancata solo la vittoria; qualunque giocatore dopo aver passato quattro mesi in cui è successo di tutto - il mio non era un problema da poco, tipo una caviglia o un ginocchio - avrebbe sperato in un'immediata convocazione, ma spero da domani in allenamento di convincere il Mister a portarmi in panchina, non voglio essere un problema per l'Ascoli, ma una risorsa in più e non devo giocare solo perché sono il capitano”. Sulle parole espresse dal Presidente Bellini: “Mi hanno fatto veramente piacere, ma il pensiero di poter fare qualcos'altro invece di giocare a calcio mi fa morire dentro, ancora non sono pronto a smettere, anche il profumo del campo o lo stare vicino alla squadra mi mancano troppo, non vedo l'ora. Se sono disposto a fare un anno in panchina? Lo scorso anno all'inizio dovevo andare via, ma l'allenatore mi disse che mi sarei giocato il posto con Gigliotti, che, invece, era stato acquistato per giocare. Io feci un gran campionato, ma Gigliotti con me è stato eccezionale tutto l'anno, mi è stato vicino, si è sempre allenato bene, non ha mai detto una parola di troppo, quindi sarei un'ipocrita adesso a mettermi di traverso perché voglio giocare a tutti i costi, stanno facendo bene sia lui che Padella. Queste cose non le faccio perché io ho un ruolo importante nello spogliatoio, sono il capitano e un capitano vuole il bene della squadra non di se stesso. Se per il bene della squadra devo stare in panchina perché gli altri fanno bene sono solo contento”.

Precedente
Successivo

Partecipa alla discussione

Copyright 2016
Jant.it
P.Iva IT02206910446
All Rights Reserved