6 Dic 2017 / 13:12

Nelle Marche dal 2000 'scomparso un terreno al giorno'

La Coldiretti lancia un serio e pesante monito dichiarando già a rischio l'assetto idrogeologico del territorio.

Nelle Marche dal 2000 'scomparso un terreno al giorno'

Un pesante grido d'allarme, che però sembra rimanere inascoltato, riguarda la scomparsa di circa 45 mila ettari di terreni agricoli dal 2000 in grado di mettere seriamente a rischio l'identità rurale delle Marche stesse nonchè lo stesso assetto idrogeologico chiamando le istituzioni ad un impegno concreto per invertire un trend preoccupante. detto appello è stato lanciato dalla Coldiretti regionale in occasione della Giornata del consumo di suolo. Secondo un'elaborazione di Coldiretti sugli ultimi dati Istat, dall'inizio del secolo è praticamente sparito un terreno coltivato al giorno, con il venir meno della costante opera di manutenzione assicurata dalla presenza degli agricoltori. Un fenomeno, ricorda l'associazione, ''sul quale pesa la cementificazione forzata degli ultimi anni, che ha avuto effetti disastrosi dal punto di vista ambientale''. Nelle Marche il fenomeno dell'erosione del suolo interessa il 7% della superficie territoriale, ma questa percentuale sale addirittura all'83% se si considerano gli impatti diretti e indiretti a una distanza di 200 metri. Su un territorio reso più fragile si abbattono i cambiamenti climatici con precipitazioni sempre più intense e frequenti e vere e proprie bombe d'acqua che il terreno non riesce ad assorbire.

Precedente
Successivo

Partecipa alla discussione

Copyright 2016
Jant.it
P.Iva IT02206910446
All Rights Reserved